Sexgate all'italiana.

Monica Lewinsky1998 – Stati Uniti: all’allora presidente  Bill Clinton viene contestata la procedura di impeachment. Il motivo? Clinton aveva dichiarato il falso riguardo la sua relazione extraconiugale con la stagista Monica Lewinsky. Tutti sicuramente ricorderanno gli eventi di quel periodo, il famoso Sexgate, uno scandalo che, tra macchie sui vestiti e abbracci “particolari”, fece il giro di tutto il mondo. Non c’era TV, programma, telegiornale, giornale che non parlasse dei piccanti incontri nello studio ovale (e le battute si sprecavano naturalmente).

2009 – Italia: ce l’hanno insegnato fin da piccoli ad imitare gli americani. Abbiamo bevuto la Coca Cola, abbiamo ballato il rock’n’roll, abbiamo imparato che il panino con la polpetta si chiama Hamburger, e se ci metti una sottiletta dentro diventa Cheesburger. Abbiamo portato i capelli come Fonzie, abbiamo comprato le automobili Ford, abbiamo sognato tutti di vivere in una casa in cui le camere da letto erano al piano di sopra, e ad ogni battuta che facevamo immaginavamo un invisibile pubblico che ridesse a crepapelle. Potevamo mai farci mancare il nostro Sexgate? Condito con la pasta, il pomodoro e due canzoni suonate con la chitarra in napoletano.

Patrizia D’Addario. Un nome che rimbalza da un lato all’altro della info-sfera (sì, l’ho inventato ora questo termine) da questa estate. Una prostituta, una “escort” come si usa dire nel maledetto politically correct. Non la dimenticheremo più, non dimenticheremo più questa raffinata bionda che è riuscita a monopolizzare le attenzioni di milioni di italiani, e di uno in particolare, il nostro Presidente del Consiglio.

Patrizia D'AddarioNon vogliamo entrare nel merito della questione, e non vogliamo neanche parlare delle rivelazioni che la D’Addario ha fatto questa sera ad Annozero. Vorrei più che altro spostare il punto della discussione, concentrarmi sulla cosa che sta forse sfuggendo alla maggior parte di noi.

Questa sera ascoltavo attentamente le parole della “escort”, e sono rimasto abbastanza incuriosito dall’intervista, da quello che le si chiedeva. Ho avuto la terribile impressione che fosse considerato da tutti “normale” chiedere favori in cambio di una -presunta?- prestazione sessuale. La cosa che mi ha stranito di più è stata il fatto che la D’Addario non era sola in queste famose feste. Alienazione N°1Non era l’unica “donna da compagnia” (tra un po’ avrò finito i termini politically correct, vi avviso…) portata da Tarantini, ma c’erano tante altre ragazze, giovani, poco più che ventenni che erano lì per fare il “grande salto”. E trovo terribile che questa cosa sia quasi passata in secondo piano. Ormai ci si ritrovava a giustificare un comportamento del genere, quel mercificare il proprio corpo che è diventato la chiave per entrare nel mondo luccicante che conta. Poco importa se si tratta di una poltrona in politica, di un ruolo in una fiction, o di andare a fare due scorregge al Grande Fratello.
Queste ragazze sono disposte a fare di tutto pur di fare parte di quel giro che conta, per far parte di quel prodotto che ci viene sparato in faccia ogni giorno. Perfino vendere il proprio corpo, la propria presenza, la propria compagnia.

E non posso fare a meno di apprezzare l'”onestà” della D’Addario che almeno ha ammesso di ricercare un tornaconto. Non che la cosa sia moralmente condivisibile, ma ha avuto la gran faccia tosta di prendersi la responsabilità di quello che ha fatto, per quanto sia totalmente e insindacabilmente discutibile. Che poi nessuno si fermi a pensare un attimo e a chiedersi “ma dove siamo arrivati?”, quello è un altro paio di maniche.
Ma possibile che siano tutti talmente concentrati sul fatto che questa donna sia stata coinvolta in questo scandalo, da arrivare quasi a dimenticarsi che non era sola, che non è la prima né sarà l’ultima volta che accade una cosa del genere (a tutti i livelli)?

Vorrei vedere un po’ d’orgoglio femminile, vorrei che si gridasse allo scandalo per il terribile messaggio che in qualche maniera sta passando. Non esiste più il merito, non esiste più il lavoro. Esistono le scorciatoie, le vie facili. E tutto questo sta pericolosamente diventando sempre di più “normale”, guardiamo distratti uno scandalo che coinvolge un capo di Stato (il NOSTRO capo di stato, è bene comunque ricordarlo), e quasi ci voltiamo dall’altra parte, quasi pensando “vabbè, è andata sempre così, che sarà mai…”.

Merito, qualità, lavoro, impegno. E prendere i giusti provvedimenti contro le menzogne e le bugie.

Abbiamo imparato ad imitare tutto dagli americani, dovremmo imparare anche questo.

Annunci

9 pensieri su “Sexgate all'italiana.

  1. Beh… Che dire su questa bella “pizza”… Insomma, concordo perfettamente con Griso. Vorrei aggiungere solo due cose. In primis parlare del sistema della fama e della popolarità; sappiamo che sono veramente squallidi i metodi e le “scorciatoie” per arrivare al mondo della politica, dello spettacolo, della tv… Nonostante nascono personaggi in continuazione… Gente disposta a fare qualsiasi cosa pur di farsi conoscere al mondo intero… L’essere carismatico, talentuso, intelligente, è un requisito secondario. E questo si evince anche dal momento in cui si lascia un curriculum ad una grossa azienda ad esempio… “E a questo chi lo manda?? non entrarà mai”. Quindi penso che è proprio il sistema che si è corrotto e che porta ad una gran parte della società a rifletterci sul fatto che è tutto nella “norma”.
    Parliamo della Signora D’Addario come se fosse la autrice di uno dei più grandi scandali della politica italiana, registrando tutto l’accaduto e trovando la chiave della magica popolarità… A me personalmente viene un dubbio. Siamo sicuri che non c’è nessuno dietro la D’Addario? Devo credere che le è venuto in mente di registrare dal nulla? Insomma, a 42 anni non si possono sprecare gli ultimi tentativi senza risultati positivi… Potrei dire anche una cavolata, ma non è che in realtà “qualcuno” ha dato la possibilità alla D’Addario di fare quello che ha fatto e ce l’ha fatta?… Quindi non so fino a che punto è talmente coraggiosa di fare certe dichiarazioni..<>

    Invece per quanto riguarda al Presidente del Consiglio, sappiamo che ha una sorta di malattia, di mania direi… Si deve parlare SEMPRE di lui… (che aldilà della politica, come essere umano lascia un pò desiderare)

    Se avesse ammesso l’accaduto, e chiesto scuse al popolo italiano (che un pò l’avrebbe gradito e perdonato…….) tutti quanti avrebbero smesso di parlare, a avrebbe dovuto studiarsi qualcos’altro per guadagnare popolarità, o forse, per perdere ancora la sua dignità?
    Al vostro giudizio.

  2. Mi sorge il dubbio che i nostri politici ci stiano prendendo un poco in giro.Ogni giorno vediamo dai tg sempre le stesse facce che fanno i loro proclami parlando di gossip, di ville miliardarie, di denaro che rientra in Italia (chi ce li ha tutti questi soldi?).Ma chi ci deve parlare dei precari della scuola,della assistenza perduta per i disabili, delle fabbriche che chiudono, della sanità che non funziona e chi ci deve spiegare (o perlomeno farlo ai diretti interessati) perchè ancora oggi a Messina è successo quello che è successo?
    Non sono arrabbiato.

  3. Adesso il presidente del consiglio riuscirà a farsi percepire di nuovo come il mago capace di risollevare tutta Messina in un attimo..una fotografia con una pala in mano ed è fatta..

  4. è vero, il bombardamento telematico ed il concetto di donna immagine divulgato dai media e ambito dalle ttenager sta intaccando notevolmente l’orgoglio di una femminilità vera , tangibile , reale che viene violentata quotidianamente dagli esempi mediatici di basso livello quali : maria de filippi (dove un uomo sceglie la sua merce puntando il dito) , il grande fratello (dove 4 o 5 ragazzi/e mettono in mostra tutta la loro pochezza sotto gli occhi degli italani che tifano per loro di casa in casa), l’isola dei famosi (dove plurimiliardari giocano ad una lotta per la sopravvivenza per un po di tempo, solo per un po ,al cospetto di situazioni reali in vari angoli del mondo dove ,davvero , i bambini lottano per sopravvivere per tutta la vita). tutto questo è assurdo e ridicolo ma pur sempre utile anche allo Stato. questo bombardamento alle menti degli italiani distoglie il cittadino dai problemi concreti , reali e seri del nostro paese. Come ,giustamente ,scrive Ciro , al momento , avremmo bisogno di altri tipi di spiegazioni. vedi Messina , vedi il problema dei salari , vedi il continuo sperpero di fondi per finanziare le tanto amate missioni di pace del ministro La Russa subordinandoci allo strapotere Statunitense ogni giorno di più.
    Ci chiediamo per quale motivo i signori artisti della globalizzazione per avere manodopere a basso costo non avevano calcolato che alla fine dei conti se un lavoratore guadagnerà 6 non avrebbe potuto spendere per 10. ed ecco che il mondo si è rovesciato . il loro consiglio? spendete piu che potete , anche di più di quello che guadagnate!
    chi ci rimette alla fine del discorso siamo sempre e soltanto noi!
    ora sarebbe interessante ascoltare in televisione spiegazioni a riguardo pittosto che sentire parlare di escort!
    qualcuno ci metta la faccia e ci spieghi per quale motivo nel 2009 si muore ancora per lavorare quanto basta a pagare luce , acqua , gas e quant’altro o semplicemente per sfamare il proprio figlio!
    vengano in televisione a spiegarci questo.
    possono pubblicizzare incontri hard , festini , vita private e altro ancora ma io non mi distraggo e continuo ad odiare i potere per la misera condizioen economica e sociale in cui ci fa vivere e non di certo per le prostitute che si porta a letto.

  5. L’argomento della precarietà e della sicurezza sul lavoro è un tema che sicuramente toccheremo in futuro Iacopo.
    Penso che a tal proposito tu avrai molto da dire, e sicuramente chiederemo un tuo parere.

    E’ proprio qui il punto, si parla di tutto il futile, e si lascia da parte quello che veramente interessa alla gente, al popolo -nonpiù?-sovrano.

    La Televisione serve a questo, a obnubilare le menti, a piegare le nostre idee. Ed ecco probabilmente la risposta ai quesiti da me posti. I giovani, la maggior parte purtroppo, hanno come modello quello che c’è in televisione. Il raggiungere la fama e i soldi in maniera facile, quel quarto d’ora di celebrità di Warholiana memoria che sembra essere l’unico obbiettivo di vita.

    E nel frattempo la gente muore nei cantieri, muore sotto le valanghe, e c’è chi si rompe l’anima per riuscire a far mangiare i propri figli.

    E’ una situazione sconfortante, senza dubbio.

  6. si certo ..è proprio cosi..comq ci tengo a precisare: la mia non era una critica al fatto che vi occupate di escort piuttosto che di precarietà…ho usato il vosto argomento per denunciare il fatto che il governo armato di televisione e stampa tende ad infangare molte verità ed a nascondere i problemi reali…
    voi , giustamente affrontate argomenti che sono il nostro pane quotidiano , purtroppo. sempre perche ci vengono proposti ogni giorno! quindi è giusto e doveroso affrontarli e lottare per la loro scomparsa al fine di creare spazi per problemi cincreti , veri , reali, bisogni di noi cittadini, operai , lavoratori e sempicemente esseri umani.

    date un occhio ai vari giochi di potere per placare , distrarre , governare ed alienare…

  7. Non l’avevo assolutamente presa come una critica, tranquillo.

    Cercheremo di affrontare tutti gli argomenti più importanti man mano che andremo avanti.

    Siamo nati con questo intento, offrire il punto di vista “diverso” dal solito. E continueremo per la nostra strada.

    Ti ringrazio per i tuoi contributi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...