Censura, ormai una realtà

[stextbox id=”custom” big=”true”] L’articolo di oggi ci arriva da Novalgina2Fast, già autore per Camminando Scalzi.it del post dedicato all’iniziativa “Internet for Peace” [/stextbox]

Italy has one of the lowest levels of press freedom in Europe. A 2009 report by Freedom House classified Italy as “partly free”, one of only two country in western Europe (the second being Turkey), also ranking it behind most former communist states of eastern Europe. Censorship is applied in television such as in press for several reasons.”

Trad:

La mappa sulla libertà di stampa nel mondo (2009) Click per ingrandire

“L’Italia ha uno dei livelli più bassi per la libertà di stampa in Europa. Un rapporto del 2009 di Freedom House ha classificato l’Italia come “parzialmente libera“, uno degli unici due paesi in Europa occidentale (il secondo è la Turchia), dietro anche la maggior parte degli Stati ex-comunisti dell’Europa orientale. La censura è applicata in televisione come nella stampa per diverse ragioni.”

fonte | Wikipedia

Ebbene sì, abbiamo un articolo su Wikipedia dedicato alla censura nel nostro paese.

Ma adesso ricapitoliamo i vari passi che hanno portato alla censura di Internet in Italia. Sono stati poco pubblicizzati e poche testate giornalistiche se ne sono davvero occupate; il problema è che il governo attraverso alcune riforme ha progressivamente censurato il web.

  1. Inizia tutto con la legge del 7 marzo 2001 per l’editoria. Secondo questa legge si assimilano i siti web a testate giornalistiche, infatti chiunque pubblichi informazioni periodiche deve registrare il sito presso il tribunale, pena fino a due anni di reclusione.
  2. Legge del  15 aprile 2004, presentata da Giuliano Urbani, decreta che tutti i siti web italiani debbano presentare una copia elettronica del sito presso le biblioteche centrali di Roma e Firenze.
  3. La legge del 27 luglio 2005 per combattere il terrorismo, invece, impone ai provider di tenere traccia di tutto il traffico generato dagli utenti per un periodo di 6 mesi. Praticamente vengono salvate le e-mail, i siti visitati, cosa avete scaricato in p2p (emule, LimeWire e compagnia bella).
  4. I decreti dell’AMMS che nel 2006 e 2007 hanno bloccato tutti i siti di scommesse estere che ormai arrivano a quota 2073, infatti il gioco d’azzardo è Monopolio di Stato e quindi solo l’AMMS può gestirlo, inoltre per la nostra protezione sono stati oscurati anche tutti i siti di pedopornografia.
  5. Vi è anche il progetto di legge dell’ On. Carlucci secondo cui ogni video postato su Youtube, ogni commento su qualsiasi blog o sito internet e qualsiasi operazione effettuata online non può essere anonima, ovvero l’utente dovrebbe identificarsi. Per fortuna questa legge, così com’è stata presentata, non potrebbe essere applicata in quanto, come ha sottolineato l’avvocato Guido Scorza, internet non dà gli strumenti per farlo: ”scrivere il proprio nome e cognome sopra ogni commento o video non è una valida identificazione”.
  6. Infine il decreto Romani, sul quale non mi dilungo in quanto ne ha già parlato in un ottimo articolo Erika Farris qui su Camminando Scalzi.

Non siamo tanto diversi dalla Cina, dove Google ha rifiutato di mettere i filtri richiesti dal governo e minaccia di non fornire più i propri servizi; dalla Turchia, dove il governo ha praticamente bloccato l’uso di Internet alla popolazione, o da qualsiasi paese in cui vige una dittatura, o uno stato di polizia. Non possiamo esprimerci liberamente, l’informazione che riceviamo è filtrata dal governo, ed ogni notizia trasmessa alla televisione lascia spazio a molti dubbi.

Insomma, la censura in Italia è già diffusa e Berlusconi controlla già tutti i mezzi di informazione cartacei e televisivi: non può controllare anche l’informazione libera del web, ma la può censurare con “piccole riforme” rilasciate di anno in anno, che lentamente logorano il diritto di ognuno di esprimersi liberamente.

A questo punto vi chiedo una cosa: pensando a tutte le riforme, alla situazione del nostro paese, al nostro governo, in Italia, siamo davvero liberi di esprimerci?

E soprattutto, credete davvero a tutto quello che viene detto dai mezzi di informazione?

[stextbox id=”info” caption=”Vuoi collaborare con Camminando Scalzi.it ?” bcolor=”4682b4″ bgcolor=”9fdaf8″ cbgcolor=”2f587a”]Collaborare con la blogzine è facile. Inviateci i vostri articoli seguendo le istruzioni che trovate qui. Siamo interessati alle vostre idee, alle vostre opinioni, alla vostra visione del mondo. Sentitevi liberi di scrivere di qualsiasi tematica vogliate. Vi aspettiamo numerosi.[/stextbox]

3 thoughts on “Censura, ormai una realtà

  1. L’articolo non è male, ma poteva essere più approfondito.

    Per quanto riguarda le due domande che poni alla fine darò una risposta intrecciata: in Italia, diciamoci la verità, siamo abbastanza liberi di esprimerci. Ci permettono di organizzare manifestazioni (come sottolinea Marco nell’articolo di ieri), esprimerci liberamente su internet e per radio. I mezzi più controllati (e più diffusi, cioè quelli a cui la maggior parte della popolazione fa riferimento) sono sicuramente la TV e i giornali, dove è fondamentale NON CREDERE A TUTTO CIO’ CHE VIENE SCRITTO: ultimo esempio eclatante ci è fornito da quella merda del TG1 (che è tutto “I love you!” per PDL e Papa da quando è arrivato Minzolini), che ha dichiarato che l’avvocato Mills è stato assolto!!! Qualcuno glielo dice che la prescrizione non è assoluzione???

    In definitiva siamo abbastanza liberi di esprimerci, ma poi non tutto viene raccontato come si deve (o non viene proprio raccontato…).

  2. Che ci sia ancora una libertà di epressione mi pare, per fortuna, abbastanza evidente, La nostra democrazia ha delle basi veramente fondate e nel nostro piccolo, anche noi, dobbiamo dare il nostro contributo per mantenerla ancora salda. Questo lo possiamo fare attraverso il voto elettorale che ancora ci consente di esprimere il nostro modo di pensare e di delegare (speriamo degnamente) i governi della Repubblica a legiferare.
    Di quello che ci viene trasmesso dai mezzi di informazione dobbiamo, ormai, credere al segnale orario, all’annuncio del ripristino della Ora Legale e… qualche volta alle previsioni del tempo. Mi sembra chiaro che le informazioni che ci passano mirano tutte ad interessi di parte.
    Per fortuna oggi abbiamo questo meraviglioso strumento che è la “rete” che ci consente, come in questo caso, di espimerci LIBERI come ci si sente Camminando Scalzi.

  3. Avete scoperto l”acqua calda ?
    La CENSURA in Italia esiste da sempre !!!
    Tutte le fonti di informazione italiane RADIO-TELEVISIONI -GIORNALI SONO CENSURATE DA SEMPRE IN ITALIA !!!!!
    Quelle poche notizie che non vengono censurate dal regime italiano vengono opportunamente distorte !

    In Italia da SEMPRE se osate scrivere o dire qualcosa che non sia gradito al REGIME DITTATORIALE DI STAMPO CATTO- DEMOCRATICO-FASCISTA-MAFIOSO FINITE IN GALERA OPPURE AVETE GRANE A NON FINIRE CON LA LEGGE ITALIANA !

    Quando avevo 5 anni di età nel 1969 avevo già capito che nella NON ESISTEVA LA LIBERTA DI PAROLA .

    I collegamenti alla rete Internet in Italia fino al 1994 erano ad uso è consumo ESCLUSIVO dei pochissimi italiani TUTTI APPARTENENTI AL REGIME DITTATORIALE DEMOCRATICO ITALIANO !
    ( Nel 1994 la rete Internet non faceva paura al regime italiano poiché era in mani di persone corrotte col regime .)

    Dal 1996 la rete internet in Italia ha iniziato ad essere di libero accesso a qualsiasi cittadino italiano perciò ha iniziato a diffondersi con molta rapidità è il regime dittatoriale italiano preso alla sprovvista non è riuscito ad imporre subito una Censura ad Internet !

    Dal 1996 al 2001 per ben 5 anni il regime italiano non è stato in grado di POTER ACCURATAMENTE CONTROLLARE-CENSURARE LA RETE ITERNET !

    Dal 2002 IL REGIME ITALIANO CONTROLLA E CENSURA LA RETE INTERNET IN MANIERA SEMPRE Più ACCURATA E PRECISA ANNO DOPO ANNO .

    Dal 2002 il regime italiano se volesse farlo potrebbe sbattere in galera tutti i CRIMINALI CHE USANO INTERNET per delinquere .
    ( Ladri-truffatori-pedofili- magnaccia -eccetera – potrebbero finire in galera anche senza una denuncia poiché il regime italiano controlla tutto di internet ! )

    Nel 2013 il regime dittatoriale italiano stà tentando di censurare e di poter controllare anche i privati cittadini italiani perché potrebbero fare qualche critica non gradita al regime italiano scrivendo qualche commento non in linea con i principi mafiosi è fascisti Italiani .

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...