F1 Gp d'Ungheria: Mondiale riaperto!

Dopo 12 gare, con 7 alla fine, le possibilità di vincere il campionato del mondo sono aperte a 5 piloti! Merito soprattutto del nuovo sistema di punteggio, che consente grandi rimonte. Come quella di Alonso, fino a due gare fa a -47 dal leader ed ora a – 20. La Ferrari ha saputo rispondere ai due appuntamenti disastrosi di Valencia e Silverstone con due gare notevoli, sebbene in Ungheria abbia dovuto cedere il passo alla Red Bull, la squadra da battere.

Non è stata una gara esaltante: il motivo per cui si continua a correre su questo circuito è che in Ungheria la pubblicità al tabacco non è vietata. Difatti il tracciato non offre possibilità di sorpasso: è più adatto ai go-kart ed alle serie minori che a delle formula uno.

Alonso si è piazzato secondo ottenendo il massimo risultato possibile: la Ferrari qui ha giocato in difesa, Webber era di un altro pianeta. Dobbiamo ringraziare anche noi Vettel, che si è dimenticato come stare dietro alla Safety Car – ancora una volta capace di portare scompiglio – e per questo giustamente penalizzato. Si è anche lamentato platealmente. Decisamente pollo.

Come il capomeccanico Renault che ha dato il via libera in corsia box a Kubica mentre sopraggiungeva Sutil, con conseguente patatrac. In effetti sia nella conoscenza delle regole che nella visione della corsa, tra molti piloti e molti team è emerso negli ultimi tempi una preparazione insufficiente. Da dilettanti.

Ma arriviamo al fattaccio tanto discusso in questa gara: il sorpasso tra Schumi e Barrichello. L’unico vero momento di brivido.Barrichello in corsa ha protestato via radio richiedendo addirittura la bandiera nera per il tedesco. Vediamo il perchè.

Schumacher dice di aver lasciato spazio al brasiliano: in effetti se notate bene non supera la linea bianca che delimita la zona parcheggio a fianco del muretto. Certo è che Rubens ha sfiorato il muretto a 300 km/h dimostrando di non farsi intimidire dal panzer. La manovra è stata pericolosa ed i commissari hanno sanzionato un’arretramento in griglia per Michael di dieci posizioni da scontare per il prossimo Gp. Tutto questo per un decimo posto che assegna un solo punto, quindi tanti rischi inutili. Non sarei stato d’accordo con la decisione dei commissari solo se ci fosse stato in gioco la vittoria del gp.

Diamo un’occhiata al prossimo appuntamento, il Gp del Belgio, un circuito tradizionalmente favorevole alla Ferrari. Volendo fare una previsione, troveremo una Red Bull molto forte, capace di sfruttare tutto il suo potenziale aereodinamico. Alonso farà valere il proprio talento su una delle piste più tecniche del mondiale. La McLaren tornerà in auge, copiando gli alettoni anteriori (oggetto di discussione tecnica in Ungheria) di Ferrari e Red Bull; ma soprattutto potrà sfruttare in pieno l’ F-duct, il sistema di stallo dell’alettone posteriore, e sarà probabilmente la vettura più veloce in rettilineo su un circuito che è medio-veloce.

Staremo a vedere. Buone vacanze e forza Ferrari!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...