Il Fini giustifica i mezzi

“Purtroppo da qualche tempo lo spettacolo offerto dalla politica è semplicemente deprimente”. È cominciato così l’atteso discorso di Gianfranco Fini, che è andato in onda sulle TV nazionali lo scorso 25 settembre. “Evidentemente – ha proseguito – a qualcuno dà fastidio che da destra si parli di cultura della legalità, di legge uguale per tutti, di garantismo che non può essere impunità, di riforma della giustizia per i cittadini e non per risolvere problemi personali”.

Evidentemente, mi verrebbe da rispondergli, a qualcun altro dà fastidio che ci abbia messo circa quindici anni a capire chi erano i suoi alleati e che, stranamente, se ne sia accorto proprio nel bel mezzo di una crisi di consensi del Governo e del suo leader Silvio Berlusconi. Evidentemente qualcuno non si capacita del fatto che un soggetto come lui si conceda il lusso di immolarsi a vittima di una persecuzione mediatica, facendo la morale alla stessa massa di politicanti che da tempo ha scelto di affiancare.

Ciononostante il suo discorso convincente e rivoluzionario ha riscosso un ampio successo persino tra l’elettorato di centro-sinistra, in un momento in cui sottrarre voti a maggioranza e opposizione richiede lo stesso impegno del rubare caramelle a un bambino.
Statista arguto e calcolatore, nel corso degli anni ha infatti plasmato la propria figura politica adattandola alle esigenze del momento. Mario Segni anni fa lo aveva immaginato come colui che “con la sua fredda astuzia sembra il duca Valentino dei Borgia, che aspetta il logoramento del Cavaliere per proporsi come il vero leader della destra”, e forse persino della sinistra.

Lui che dopo aver marciato a braccetto di Giorgio Almirante come segretario del Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale, ha poi guidato la presidenza del partito Alleanza Nazionale (AN) per 13 anni, per giungere nel 2008 a fondare il “Popolo della Libertà” assieme al premier Silvio Berlusconi.

Lo stesso Gianfranco Fini che durante il G8 di Genova del 2001 era ministro della Difesa mentre se ne stava nella centrale dei carabinieri di Forte San Giuliano a seguire i noti avvenimenti che oramai tutti conosciamo, dove è difficile pensare che le scelte politiche del suo ministero non abbiano nulla a che vedere con gli atroci scontri che ci sono stati. Deciso a vestire i panni dell’Uomo Forte sino alla fine, ha peraltro scelto di schierarsi acriticamente dalla parte di tutti i poliziotti e carabinieri “sottoposti a un linciaggio” dalla sinistra.

Lo stesso Gianfranco Fini della Legge “Bossi-Fini”, aspramente criticata anche dalle Nazioni Unite per le severe restrizioni previste per gli stranieri che vogliono entrare in Italia e la scarsa garanzia di diritti per gli immigrati che vivono nel Paese.

Lo stesso Gianfranco Fini che non riesce ancora a trovare un linea politica coerente con gli ideali che non ha mai avuto. Colui che, da fascista a compagno, ha costruito la propria figura attorno a un doppiogiochismo che lo ha reso adattabile a qualunque situazione, forse tormentato dal timore di passare alla storia come l’eterno “numero due”.

[stextbox id=”info” caption=”Vuoi collaborare con Camminando Scalzi.it ?” bcolor=”4682b4″ bgcolor=”9fdaf8″ cbgcolor=”2f587a”]Collaborare con la blogzine è facile. Inviateci i vostri articoli seguendo le istruzioni che trovate qui. Siamo interessati alle vostre idee, alle vostre opinioni, alla vostra visione del mondo. Sentitevi liberi di scrivere di qualsiasi tematica vogliate: attualità, cronaca, sport, articoli ironici, spettacolo, musica… Vi aspettiamo numerosi.[/stextbox]

One thought on “Il Fini giustifica i mezzi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...