La ricerca della qualità

[stextbox id=”custom” big=”true”]Un nuovo autore su Camminando Scalzi
Vi presentiamo oggi Alessandro Sisto, giovane blogger al suo primo articolo per Camminando Scalzi. Alessandro gestisce con amici il blog “Lo Spettatore” che trovate a questo link. Buona lettura![/stextbox]

C’è del cinismo nello spettatore medio di Mediaset, una sorta di masochistico compiacimento assaporato con gusto decadente. Nulla di squisito e artisticamente raffinato sembra affermarsi nel generale degrado di questa società materialista. Sempre più spesso, infatti, vengono proposti ai giovani modelli di grave vacuità intellettuale, e spesso anche morale, che si affannano in una narcisistica volontà di potenza, a inseguire il successo con ogni mezzo. Si susseguono ormai quotidianamente sui nostri schermi televisivi trasmissioni celebrative del culto dell’ignoranza, che promuovono una scalata al successo fondata non sulle reali competenze ma su una spesso malcelata tendenza alla prostituzione e alla finzione.

Sovente il pretesto del superamento di un perbenismo bigotto è alla base di un atteggiamento trasgressivo che non rispetta limiti. Ne è una dimostrazione Tamarreide , la nuova trasmissione del Lunedì di Italia uno , in cui un piccolo branco di “tamarri” viene caricato su un pullman e condotto in diverse città  per essere osservato nel proprio habitat naturale. Questa transumanza, arricchita dall’atteggiamento provocatorio di una dissonante (rispetto al contesto) Fiammetta Cicogna, viene mascherata da analisi psico-sociologica, venandosi di elementi morbidamente commoventi (capita che la povera tamarra Marika riveli un passato familiare turbolento in un momento di catarsi degno delle migliori puntate di Pomeriggio Cinque).

E se il Codacons chiede la chiusura immediata del programma (a causa della messa in onda di un’orgia dai contorni sfuocati) va comunque detto che gli ascolti consentono al format di sopravvivere. Forse ci aspettavamo tutti che in questa nuova epoca, dal vento diverso, un simile show non superasse la seconda puntata (come accaduto a Uman take control, altro prodotto della stessa “qualità” ). Pensavamo che certi sonniferi televisivi, descrittivi dell’Italia peggiore, fossero giunti al tramonto e che gli italiani fossero affamati di contenuti. Però, chissà, magari è presto per demordere, magari  la quarta puntata sarà anche l’ultima.

Loro sono tamarri, e voi?

[stextbox id=”info” caption=”Vuoi collaborare con Camminando Scalzi.it ?” bcolor=”4682b4″ bgcolor=”9fdaf8″ cbgcolor=”2f587a”]Vuoi scrivere anche tu per Camminando Scalzi? Vuoi gestire una rubrica sulla tua tematica preferita ?

Collaborare con la blogzine è facile. Inviateci i vostri articoli seguendo le istruzioni che trovate qui. Siamo interessati alle vostre idee, alle vostre opinioni, alla vostra visione del mondo. Sentitevi liberi di scrivere di qualsiasi tematica vogliate: attualità, cronaca, sport, articoli ironici, spettacolo, musica… Vi aspettiamo numerosi.[/stextbox]

Annunci

3 pensieri su “La ricerca della qualità

  1. Bell’articolo Alessandro.
    M anche un pò desolante….in realtà.
    Il problema è che la TV è il più potente mezzo di rimbambimento di massa.
    La TV è capace di fare più danni di un incidente nucleare.
    E’ il mezzo più efficace per addomesticare le caprette e mantenerle docili, ubbidienti, remissive e mansuete sui loro sofà, al sicuro dal mondo reale, avidamente bramose di tutto ciò che la scatola nera sancisce come desiderabile, sostituendosi con un colpo da Houdini alle vuote e pervertite scatole craniche.
    Altrimenti, come si spiegherebbero i vari Gf, Le Pupe e i Secchioni, Gli Amici, i PortaAPorta morbosi e lo scempio del cosidetto sistema Delta(che sembra un pò la scoperta dell’acqua calda)?
    Lo aveva capito bene Licio Gelli e la Pd2 (e 3 e 4). Da bravo massone, l’aveva capito pure quello sciagurato imprenditore imprestato maldestramente alla politica, il sedicente “Cavaliere”.
    Non si può certo dire che non sia un sistema astuto. BOYCOT TV….il mio motto da 5 anni, da quando in casa mia è stato bandito l’elettrodomestico tv e non ne ho mai, mai, mai sentito minimamente la mancanza.
    Perchè, semplicemente, esistono valide e numerose alternative…
    Oltre a una buona radio (qualche canale decente c’è) c’è il web streaming per vedere quei rarissimi programmi di qualche interesse ed esistono il teatro il cinema il sudoku i libri le chiacchiere con gli amici mille passatempi che lascio alle vostre fervide menti.
    La missione è portare quanta più consapevolezza a chi non c’è arrivato, forse per pigrizia, forse per abitudine, forse perchè non c’ha mai pensato…
    un mondo meno idiota non solo è possibile, è necessario…..
    ciao e grazie!

  2. Mi trovi pienamente d’accordo, Ilaria. Apprezzavo il mezzo televisivo in quanto canale di diffusione di idee e informazioni ma con rammarico ho dovuto constatare che le informazioni si sono estinte e le idee, forse, non ci sono mai state. Ci sarebbe bisogno di una vera e propria purificazione, una nuova era televisiva. A volte, però, ho la sensazione che troppi italiani siano stati ipnotizzati e che nella consunzione generale dei cervelli il processo sia diventato irreversibile.
    Ho seguito con piacere la trasmissione “Tutti in piedi”, segno indelebile del ruolo che Internet si appresta a svolgere, non solo nell’ambito dell’informazione, ma anche in quello dell’intrattenimento e mi auguro che Michele Santoro dimostri una simile attitudine al rischio anche in futuro(Non ne dubito).
    Come scrivo nell’articolo mi auguro che il vento sia cambiato davvero e che l’Italia migliore riesca a cogliere la palla al balzo per rivoluzionare questa società logora.
    ciao e grazie a te!

  3. Spero che il successo di Tamarreide sia legato solo al fatto che la TV d’estate propone poco o niente. Ma in realtà se viene proposto qualcosa come Tamarreide (già la pubblicità fa rabbia, figuriamoci la trasmissione…) non si deve nemmeno provare a cambiare canale, bisogna direttamente premere il tasto OFF.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...