Mafia interiore

Senti un boato, il rumore di uno sparo, le grida di qualcuno. Nell’aria percepisci una certa tensione, il macabro profumo della vendetta e della morte. Poi sfogli le pagine del giornale locale e apprendi che il vicino di casa è stato prima minacciato e poi ucciso per motivi economici, motivi ancora non del tutto chiari, motivi che tuttavia non ti giustificano nulla. Infine tornano a galla le storie ormai obsolete che i media tirano fuori dal cassetto quando è il momento giusto per creare maggior allarmismo, tornano sui giornali i nomi, i cognomi e i soprannomi di chi furtivamente fa del male a noi e allo Stato, tornano a singhiozzo le sensibilità collettive riguardo alla malavita, al degrado sociale, alle ingiustizie più nascoste, tornano le consapevolezze mai costanti e incrollabili. Scoppia uno scandalo e tutto il mondo ne parla, le voci dilagano fluidamente in cunicoli che portano l’opinione pubblica a essere una voce frenata e spezzata dalla prepotenza mediatica, che riesce a calmare il panico sociale e al contempo lo riesce ad aizzare.

Di rado sentiamo raccontare e ripetere alla radio o alla TV qualcosa che i media volontariamente vogliono sbiadire o ridimensionare, o qualcosa di cui tutti insieme ci vergogniamo perché all’estero ci fa fare brutta figura. Sarebbe scandaloso per il pubblico sapere che un tempo si usava gettare i bambini nell’acido, eppure lo si faceva, e forse lo si fa tuttora. Bimbi innocenti e immacolati, annientati perché il padreContinua a leggere…

Annunci

L'incubo del passato, la paura per il futuro

Per tutta la giornata di sabato si è vissuto un incubo. Venti anni dopo l’orribile ’92, l’ipotesi di un ritorno dell’epoca delle stragi di mafia ha fatto tremare chi ancora non si è arreso all’idea di uno Stato in balia o peggio, complice, della criminalità organizzata.

Per fortuna, paradossalmente, pare che l’esplosione alla scuola di Brindisi sia un attentato terroristico. È assurdo, ma la cosa ha relativamente tranquillizzato tutti. Cinicamente, la graduatoria dell’orrore trova forse una sua logica. Senza intaccare il rispetto per tutte le vittime degli anni di piombo, l’ultima cosa che ci si potrebbe augurare è una matrice mafiosa. La possibilità che dietro quella che poteva essere una tremenda carneficina ci siano le organizzazioni terroristiche “classiche” sembra per il momento accantonata, soprattutto per via dell’assenza di rivendicazioni.

Sembra tuttavia improbabile che una singola mente malata abbia concepito e realizzato il tutto. Si fanno sempre più numerose le voci che ipotizzano un coinvolgimento di più persone. Sarebbe imprudente e inutile lanciarsi alla rincorsa di questa o quella possibilità. Quando le indagini avranno fornito più dettagli, sarà il momento di cominciare a valutare le conseguenze. Ancora peggiore sarebbe adeguarsi ai modi del peggior giornalismo e rotolarsi nel fango del dolore della famiglia della studentessa uccisa.

Per il momento, si può solo riflettere sul clima sociale e politico che in Italia si fa sempre più cupo. La latitanza della politica – quella vera, seria – non determina il vuoto ma il caos. Non serve una particolare intelligenza politica per tracciare un triste parallelo fra l’Italia dell’inizio degli anni ’90 e quella attuale. Sperimentiamo una crisi economica asfissiante che rischia di precipitare verso abissi ancora peggiori; la fiducia del paese nei confronti della classe dirigente, annegata nella corruzione e nel malaffare, ha raggiunto livelli da lancio di monetine. Tuttavia, non si vive mai due volte la stessa epoca. Anche quando la ruota sembra compiere un giro completo, ci si trova comunque sempre su un nuovo piano. E quando in venti anni non si sono compiuti passi in avanti, si è inesorabilmente tornati indietro.

Comodamente omertosi

Se ne sente parlare di rado. Anche a scuola stanno zitti, nessuno osa raccontare quel che hanno fatto Pasquale Zagaria – detto “Bin Laden” – e suo fratello Michele – capoclan dei Casalesi – quando la loro libertà era ancora viva; non vogliono nemmeno ricordare l’omicidio di Aldo MoroPaolo Borsellino e Ilaria Alpi. Nessuno si attenta a parlare di queste crude realtà perché – ne sono certa – quasi tutti trovano comodo vivere nel silenzio dell’omertà. Poi capita di sentire che il vicino è stato minacciato, che il cantiere edile dietro a casa è stato incendiato da un racket che era in conflitto con il clan proprietario della costruzione, che i propri rifiuti hanno una destinazione così misteriosa da indurci a chiedere dove diavolo finiscono. E quando sporadicamente senti questi eventi sconcertanti, ti accorgi che tacere e lasciare scorrere questo luridume sono le opposizioni più sbagliate che i cittadini immacolati possono fare contro l’abominevole problema nazionale: la mafia. Non ti senti colpevole sapendo che l’omertà è la tua reazione primaria davanti a questo remoto dilemma che ha colpito il nostro Stato?

Il cemento avanza, devasta parchi, foreste, campi agricoli. In Italia il terzo millennio funziona così: le mafie vivono di ininterrotte lotte all’ultimo pezzo di terreno per scopi lucrativi e chi più imbratta il suolo di calcestruzzo e mattoni diventa il più potente: attributo che nelle organizzazioni criminali significa molto. Infatti, dai primi anni duemila fino a ora, al nord si è registrato un esponenziale aumento di espansione edilizia: è il decennio in cui il verde vira gradualmente al grigio, in cui gli interessi mafiosi roteano attorno all’appropriazione di terreno edificabile per riciclare il danaro sporco e per scopi speculativi.

Case, capannoni, palazzi: tutti vuoti. Sull’altra sponda parchi, campi agricoli e zone verdi diminuiscono a vista d’occhio, sottolineando il rischio di una totale estinzione di aree naturali e agrarie. È evidente a chiunque che si sta fagocitando terreno a dismisura e si sa che tutto questo aggraverà le condizioni ambientali già sfavorevoli a causa dell’inquinamento atmosferico. Ma le giunte comunali, diversi sindaci e i politici in sé non sembrano nutrire molto interesse per questa questione ambientale che, spesso e volentieri, viene resa una tematica poco rilevante. Il nodo cruciale si trova soprattutto in quest’avida classe dirigente infettata dalle organizzazioni criminali che l’hanno silenziosamente rovinata attraverso la corruzione. Non c’è da meravigliarsi, quindi, se abbiamo una politica sleale, manipolata da un potente volere criminale, e un sistema ingiusto che il nostro Stato sembra accettare amichevolmente.

La mafia sotterra i rifiuti nei campi agricoli, dai quali poi germogliano cereali e vegetali che finiscono sulle nostre tavole; li esporta e li vende all’estero, in Africa, nell’Europa orientale e in Cina, li usa come cemento per costruire case e come asfalto per stendere nuove strade, li nasconde nei mari. La gestione dei rifiuti invece di essere nelle mani di persone competenti, si trova nelle grinfie di questi criminali che fanno illecitamente tutto quello che vogliono. E noi, donne e uomini immacolati, continuiamo a vivere nel silenzio delittuoso della comoda omertà, lasciando che la gestione dei rifiuti, come tante altre iniziative, rimanga sotto lo stretto controllo delle organizzazioni criminali.

Forza, ammettiamo di essere persone schifosamente omertose! Ammettetelo voi che vendete i vostri scarti industriali alle criminalità organizzate solo perché vi offrono il servizio a un prezzo bassissimo: preferite spendere dieci centesimi (per chilo) per smaltire i vostri rifiuti illegalmente, piuttosto che spenderne sessanta per sbrogliarveli da dosso in modo del tutto legale. Ci sono parecchi politici che desiderano falsamente un’Italia migliore dove non esiste alcuna briciola di illegalità, quando in realtà sono gli ultimi a volersi rimboccare le maniche, a compiere azioni legalmente accettabili, a evitare collaborazioni mafiose. Vogliono una politica sobria, efficiente, sincera, ma non sanno che per fare questo dovrebbero destituirsi, perché sono loro stessi parte integrante della mafia. Dobbiamo cercare di smetterla di cedere alle varie tentazioni che vengono proposte e provare a reagire in modo civile alla lugubre questione sociale protagonista nel nostro Stato. Essere omertosi, comportarsi come tali, è solo una scusaun atto negligente col quale abbiamo deciso di lasciare sporco il sistema italiano che riguarda tutti quanti, perché la paura non è niente se ci si unisce e si lotta tutti assieme!

Sindaci, politici, imprenditori, professori, gente comune, uscite da questo comportamento stereotipato! Il silenzio è lo scudo del vigliacco e dell’impotente, non del risoluto e del prode. Davanti a tale problema molti di noi sono vigliacchi e impotenti, sono comodamente omertosi, ma è arrivata l’ora di uscire da questo conformismo, da quest’assurda complicità silenziosa che troviamo confortevole, dalla paura. Professori, parlate di tutto questo ai ragazzi! Sindaci, ammettete il vero! Imprenditori, siate forti e non cedete alle tentazioni criminali!
Il sistema è sporco e ingiusto; io non lo voglio, né per me né per i miei figli. E come me, moltissimi altri non lo tollerano. Il futuro è certo e a noi non resta altro che combattere fino all’ultimo per dare al Paese un’immagine migliore e restituirgli un po’ di dignità. Questa non è l’Italia di Zagaria, Provenzano e Riina, è l’Italia di Falcone e Borsellino. Quindi, facciamoci coraggio e usiamo la purezza e la giustizia che ci sono rimaste in tavola per vincere questa temibile battaglia!

Per rompere il silenzio dell’omertà

Esiste una leggenda – quella di Osso, Mastrosso e Carcagnosso – che collega questi cavalieri spagnoli alla realtà criminale di oggi. Un’epopea cavalleresca in cui si racconta che questi personaggi, durante il quinto secolo, fuggirono dalla Spagna per finire a Favignana, Sicilia, dove fondarono i codici delle loro società: Osso diede vita a Cosa Nostra in Sicilia, Mastrosso alla ‘ndrangheta in Calabria e l’ultimo, Carcagnosso, alla camorra in Campania. I loro verbi e comportamenti sono gli stessi delle mafie di oggi: vendette sanguinose, disciplina, gerarchie, riti. Particolarità rimaste identiche nel tempo, che ci fanno intuire che questa non sia una leggenda mitologica, ma una realtà sulla quale le criminalità organizzate si basano tuttora.

Molta gente paragona la mafia a una questione estranea, che concerne storie provenienti da posti caldi e lontani o da un’Italia parallela, alternativa, e che quindi la si deve lasciare in mano a quei terroni che sono abituati a viverci insieme. Bisognerebbe invece entrare nella consapevolezza che le criminalità organizzate commettono azioni che ricadono su tutti i cittadini, non solo su alcuni, poiché – nord o sud – la loro potenza permette di infiltrarsi dappertutto. Di fatto, sono capillarmente diffuse su tutto il territorio italiano. Soprattutto dove la terra è fertile.

L’idea che nell’Italia settentrionale non ci sia lo stesso tipo di criminalità organizzata del meridione, o che ce ne sia meno, è erronea: pensate un po’, oggi la sede degli affari della ‘ndrangheta si trova in Lombardia, a Milano. Da anni le organizzazioni criminali si sono infiltrate nel tessuto economico di tutto il territorio nordico, dove ora come ora si registra un elevato tasso di investimenti criminali: nel settore della politica, della sanità, dell’edilizia… ovunque ci sia possibilità di lucrare. Io vivo al nord e più passano i giorni più mi sembra che quassù le organizzazioni criminali abbiano trovato un vero tesoro. Case, case e ancora case, vuote. Quasi tutte in mano a imprese edili calabresi, molte delle quali (non tutte, per fortuna) guidate da clan ‘ndranghetisti. Al nord cementificano, innalzano case e palazzi che rimangono vuoti ma che permettono di riciclare il denaro sporco. Speculano, si intromettono negli affari politici. Intimidiscono. Corrompono. E la politica, nonostante tutto, lascia che questo lurido torrente continui a fluire.

Pasquale Zagaria e Aldo Bazzini

Nord o sud, alle organizzazioni criminali non interessa sapere dove si trovano, quando il terreno è fertile. Per capire questo è sufficiente pensare alla potente egemonia sul territorio emiliano di Pasquale Zagaria – l’introvabile, il temibile “Bin Laden” casertano, la mente economica del clan dei casalesi – che venne arrestato nel dicembre 2011. Prima d’allora trascorse gli anni d’oro in Emilia, soprattutto a Parma, dove in collaborazione con Aldo Bazzini – uomo del cemento – riuscì a porre le prime pietre del suo impero. Ma non è per forza necessario entrare nelle indagini per notare l’infiltrazione della mafia al nord; basta pensare semplicemente all’esponenziale crescita edilizia che ha afflitto la maggior parte dei territori nordici, e chi ci vive lo sa: si rovesciano colate di cemento ovunque e ininterrottamente, si costruisce, quindi le zone residenziali aumentano, ma la popolazione rimane stabile. In altre parole, si fagocita il territorio verde per digerire il danaro sporco, per speculare, per ottenere maggior potere. L’Emilia però, che a vista d’occhio sta perdendo il suo colore smeraldino, non è sola. È prevedibile che le mafie a Milano – il paradiso della ‘ndrangheta – fatturino tantissimi soldi illegali all’anno; come risulta da un’inchiesta, citata anche da Roberto Saviano, nella città della moda e della mafia esistono molti appalti infiltrati dalla criminalità calabrese: la stazione Porta Garibaldi, l’agenzia dogane, la tav Milano-Bergamo, l’autostrada Milano-Bergamo, sono solo quattro delle tante attività infettate dalle organizzazioni criminali. Il nord è industrialmente più sviluppato, quindi sia legalmente che illegalmente la possibilità di guadagnare è più elevata. La differenza che c’è tra nord e sud non sta nell’economia o nella politica che apparentemente sono diverse, ma nel fatto che mentre il meridione ammette che le criminalità organizzate ci sono e fanno del male, il settentrione spiega che a casa sua non ci sono e che se ci fossero sarebbero così deboli da risultare facili da vincere. Ebbene, questa falsa convinzione che vige nella parte più fredda d’Italia indebolisce l’economia e la politica interna. E così facendo, si fa un dono alle mafie che vivono per l’appunto di debolezze economiche, politiche e sociali. Vale a dire che più il sistema immunitario del nostro paese è basso, più le organizzazioni criminali riusciranno ad avere la meglio. Più si sta zitti, più riusciranno a passare per inosservate. Più c’è crisi, più fanno soldi.

Spesso ci si chiede cosa si può fare. Penso che la prima cosa da non fare sia chiedere aiuto alla politica, dato che più si va avanti più ci si rende conto che collabora abilmente con la mafia. C’è una significativa frase di R. Hopkins che potrebbe dare risposta a chi non sa cosa fare per risanare questa tragica questione nazionale: “se aspettiamo i governi, sarà troppo poco e troppo tardi. Se agiamo da soli, sarà troppo poco. Ma se lavoriamo alla scala di comunità, può essere abbastanza e appena in tempo. Credo fortemente che combattere la mafia non debba essere l’ambizione di una, due o tre persone, ma di un’intera comunità che, oltre a farlo per il bene proprio, lo faccia per il bene futuro. Non si pretende di scendere in piazza a far del chiasso o di aderire ad associazioni antimafiose. Basterebbe che se ne parlasse maggiormente a scuola, invitando i ragazzi a informarsi, che se ne parlasse nei bar, in chiesa, in stazione, in biblioteca, a casa con la famiglia. Ma questo non lo devono fare due o tre persone, la decisione dev’essere presa da tutti, da tutte quelle persone sobrie che come me sono stanche di vedere questo paese andare a rotoli, di continuare a vivere tra le mura dell’omertà, di nascere e morire nel terrore. Se vogliamo dire basta, facciamolo insieme, perché in questo modo se dovrà morire qualcuno lo farà un paese intero. Il dispetto più forte che possiamo fare alla mafia è parlare, mentre il dono più grande che possiamo farle è stare zitti… Purtroppo questo lo stiamo già facendo da così tanto tempo che sembriamo non aver voglia di smettere.

La parola è l’arma invincibile di colui che decide di versare il suo sangue sul mondo. Meglio di una pistola, è capace di creare una tempesta in un luogo apparentemente tranquillo, di far trasalire dalle torbide acque dei mari le realtà intenzionalmente mai annunciate, di rendere il problema di una sola persona, di una sola comunità, di un solo stato, un problema di tutti. E addirittura di mettere in crisi le persone, persino le organizzazioni criminali. Prendendo per fede ciò che dice Tolstoj – che sostiene che non si può combattere il male con il male – io e voi, persone oneste, combatteremo questa grande ingiustizia nazionale – chiamata Mafia – con qualcosa che porta solo il bene: la parola.

Siete con me?

Meridiano Zero – Ma è davvero questo il mondo che vogliamo?

Mea culpa. Sono mancato da queste pagine troppo tempo, colpa mia, davvero, scusate.

Non che, dall’ultimo mio articolo, sia successo chissà cosa. O meglio, è successo di tutto, forse pure di più, ma non ci si è spostati tutto sommato di molto. C’è sempre Berlusconi contro tutti (“viviamo in uno Stato di Polizia“, il suo Signor Presidente ), ci sono sempre le intercettazioni, c’è sempre la  crisi, la scuola che non funziona (per dire, mio fratello attende i risultati di scienze motorie dal 5 Settembre e le iscrizioni scadono il 30), c’è sempre la Minetti, c’è sempre la Gelmini, ci sono sempre le gaffe (da ultimo quella del tunnel, bella prova Mariastella, bella prova davvero).

Oddio, qualcos’altro è successo, come nelle peggiori serie TV spuntano nuovi personaggi di dubbia moralità intorno al Premier, come quel Valter Lavitola turista panamense di lusso (come la Farnesina ha dichiarato “non ha in alcun modo fatto parte della delegazione che ha accompagnato il Ministro degli esteri da Roma a Caracas e successivamente da Caracas a Panama, con rientro diretto da Panama a Roma” quindi si può evincere che fosse lì per piacere) a cui giunge il consiglio del Presidente di rimanere dove è, ovvero latitante, o quel Milanese consigliere di Tremonti che, ovviamente con il beneficio del dubbio, gli inquirenti vedono al centro di scambi di favori in cambio di Rolex e macchine di lusso. Ovviamente sempre al centro di tutto escort, mignotte, minorenni e quant’altro possa essere inserito in un Bunga Bunga che si rispetti, che come ci tiene a precisare la Signorina Terry De Nicolò (fonte: Il Fatto Quotidiano) “Se sei onesto non fai un gran business, se vuoi andare in alto devi passare sopra i cadaveri ed è giusto che sia così“. Infatti signorina, è giusto che sia così. E’ confortante saperlo.

Attenzione tra l’altro ad un nuovo caso “Milanese”. Dopo Papa e appunto il già citato faccendiere di Tremonti, anche il Ministro Romano (attualmente al dicastero per l’agricoltura) è finito al voto della Camera dopo le nuove intercettazioni scoperte dal GIP Castiglia. Il Governo, che misura la fiducia del Parlamento non sulle manovre, sui provvedimenti o sulle riforme, ma sulle richieste di arresto dei parlamentari, incassa ancora una volta la fiducia e “salva” Romano, come prevedibile.

Ma è davvero questo il mondo che vogliamo?

Calcio, Italia-Serbia. Decisamente…avevano qualcosa in serbo

Al “Luigi Ferraris” di Genova è andata in scena una delle peggiori partite di sempre della nazionale italiana. Stavolta però non è colpa di Pepe (leggi articolo). No, stavolta è colpa di un gruppo di tifosi, o meglio, pseudo-tifosi serbi che hanno messo a ferro e fuoco la città. Cosa c’è dietro? Una protesta contro la nazionale battuta dall’Estonia? Forse, il fatto di prendersela col portiere Stojkovic lo avallerebbe, ma in realtà tutto sembra essere legato al passaggio dalla Stella Rossa al Partizan. Protesta contro la federazione serba che ha esonerato Antic? Chissà, sicuramente era meglio un altro modo. Oppure c’era veramente dietro la malavita organizzata come sostengono i giornali a Belgrado? Potrebbe essere benissimo. Più che altro è meglio mettere in chiaro i punti basilari della storia.

Partiamo da Ivan Bogdanov, “l’uomo nero” o “Ivan il terribile” come l’hanno ribattezzato. Sicuramente non uno stinco di santo come ha detto sua mamma (“Mio figlio è l’uomo più tenero del mondo, non c’entra niente coi disordini. Paga il suo altruismo”) ma neanche il mostro che hanno dipinto. Pensare che viene anche da un quartiere agiato di Belgrado! Più che altro sembra essere un normalissimo delinquente di paese che ha avuto visibilità. Certo che mettere un passamontagna lasciando scoperte le braccia piene di tatuaggi riconoscibili non ne sottolinea la genialità.

Andiamo avanti. La Uefa? Ridicola. Platini e Blatter dimostrano ancora una volta la loro totale idiozia, obbligando le squadre a scendere in campo (era ovvio che non si poteva) ma il loro essere una schifosa mafia è oramai risaputo (leggi articolo sulla Fifa). Ridicola la federazione italiana che conferma di valere zero, chinando il capo e dichiarando al mondo “Stiamo qua perché ci hanno messo, scusate”. Ancora più ridicola la federazione serba, che vuole rigiocare la partita dopo essersi scusata ed aver poi capito che era meglio adottare la strategia “paraculo”. Agnellini smarriti i giocatori serbi, che salutano la curva per calmarla mentre erano spaventatissimi. Osceni i commentatori RAI, che minuto per minuto hanno partorito una serie di stronzate vomitevoli degne del peggior populismo e che mi ha fatto veramente incazzare (quasi come se fossi stato serbo). La Polizia Italiana? Eh visto che Genova mi ricorda più che altro Bolzaneto direi che va bene così…difficile quando le mazzate gratuite sono sotto gli occhi di tutti e non le puoi occultare eh? Ah se ci fosse ancora Cossiga… Diciamo che meritano un 6,5 dai.

I ministeri degli interni di Serbia ed Italia giocano a scarica barile ed è difficile dire se effettivamente i serbi avessero segnalato cose importanti e se sono stati cestinati. Le colpe sicuramente sono di entrambi, ma la questione è troppo buia per chi non è dentro gli “oscuri edifici”. Cosa ci si aspetta adesso dalla Uefa? La radiazione della Serbia? Ahahahahahaah! Siamo seri dai. Pronostichiamo tre giornate a porte chiuse ed il 3-0 a tavolino per noi. Questo se andrà bene. Bene a noi, sia chiaro, perché da quei buffoni aspettatevi veramente di tutto!

alieNazione – In che paese viviamo?

Nemmeno il tempo di una settimana dai voti di fiducia del governo, qualificati come i più ampi di sempre nella storia della Repubblica, che già si parla di elezioni. Eh, eh… La politica italiana? Uno sporco gioco di interessi,  dalla Dc ad oggi.

Gioca squallidamente Gianfranco Fini, come un vecchio “gattopardo democristiano” (come lo ha definito non molto tempo fa il suo ex-alleato Umberto Bossi.) Lo stesso Bossi che fece cadere il primo governo Berlusconi, non dimentichiamocelo. Noi di Camminando Scalzi abbiamo già affrontato la carriera politica del presidente della camera in questo articolo. Perché Fi. si è alleato con Be. ? Che matrimonio è fra una destra laica, istituzionale, con una destra populista, anticostituzionale?

I nostri (non eletti, ma nominati) politici sorvolano i temi e le emergenze nazionali come il lavoro, la scuola,  l’economia e i rifiuti, occupandosi già della campagna elettorale e delle future strategie. Argomenti vuoti che non possono importare a chi perde il lavoro, a chi è precario, a chi vive ancora in casa con i genitori perché è costretto dalla crisi e non è un testone come  di certo lo è il sig. Nano Brunetta (a quanto pare fra nani e testoni al governo ci s’intende). Tantomeno non può interessare a chi perde la vita al lavoro e deve sorbirsi la notizia che Fabrizio Corona è anche ricchione. Già, le morti bianche si susseguono una dopo l’altra, in uno stillicidio che non ha fine.  Eppure, pensa te, si scopre in tv che Fabrizio Corona ha avuto una relazione con il suo mentore Lele Mora. Certo, è una notizia inquietante, che spiega come vanno le cose nello show-biz. Culo per celebrità, oil for food, stiamo lì insomma. Ma in uno squallore che per me è senza fine, scopro che un settore che paga dazio in numero di morti sul lavoro è l’agricoltura, soprattutto a causa di un veicolo fondamentale e pericoloso per i contadini: il trattore.

Voi lo sapevate? In caso di ribaltamento, il conducente è schiacciato dal mezzo stesso e data la natura instabile del veicolo, avvengono di frequente incidenti del genere. Perché non si pone rimedio alla pericolosità di questi veicoli? Che ci vuole? Sembra un’inezia risolvere un problema del genere, ma se ci si perde su questo genere di cose, figuriamoci su problemi più complessi. In che paese viviamo?

Mesi e mesi di rigonfiamento dello scroto a causa delle notizie ad ogni ora della casa di Montecarlo di Fini, che alla fine si è sbugiardato da solo. Dopo essere stato messo alla forca dal dossieraggio sfrenato dei giornali del premier.  Una macchina ben oliata dal sig. Walter Lavitola , direttore dell’ “Avanti!”, che viaggia su aerei costosissimi da un capo all’altro del globo, non si sa da chi pagati anche se  possiamo ben immaginarlo. Tutto questo casino per sputtanare il presidente della camera su una questione che a noi non frega niente. Che tristezza.

Quelli che dovrebbero essere i nostri tutori della giustizia e della pace sono sotto tiro. Il bazooka “regalo” ritrovato fuori al palazzo di giustizia di Reggio Calabria è l’ennesimo indizio di un’escalation intimidatoria senza fine nei confronti dei pm antimafia. Aleggia lo spettro delle stagioni stragiste, il “nuovo” terrore si chiama ‘ndrangheta.

Non si combatte la mafia con le manifestazioni, se pur nobili, della società civile e con le sfilate di piazza dei vari Bersani e Di Pietro. Alla magistratura mancano mezzi e uomini sufficienti per fronteggiare il vasto popolo dell’illegalità. Manca persino la carta. Sembra illogico, per dirla con un eufemismo, in una continua sottrazione di risorse,  spendere ben un milione e mezzo di euro a Palermo per la visita del Papa. Visita durante la quale, tra l’altro, viene negata qualsiasi atto di dissenso, anche innocui e non offensivi, per mano stessa della Digos. Pura follia.

Il 2 ottobre si è svolto nuovamente il no b-day2 , seguito da un silenzio mediatico assordante. A parte il solito balletto teatrale delle cifre (500mila secondo gli organizzatori, 50 mila secondo la questura, qualche saltimbanco secondo il Pdl), la domanda è questa: perché aver fatto una seconda manifestazione contro Berlusconi, se già la prima non l’ha mandato a casa? Lo slogan di quest’anno era “licenziamolo”. Uno slogan divertente, che certifica definitivamente che il popolo viola non è altro che un movimento vuoto quanto lo è la politica di sinistra: perchè sono gli stessi esponenti di sinistra che alimentano il popolo viola, non è certo un mistero. La domanda principale:  a voi ha rotto le scatole solo Berlusconi?  E Pd, Idv ecc. con tutti i loro figuranti che c’erano alla manifestazione… non ci hanno stufato anche loro? Allora perché fare un replay del no-b-day2, che senso ha avuto? Sarei stato d’accordo  con una manifestazione contro la CASTA, formata da questi squallidi attori del teatrino della politica, che pensano agli affari propri e a rovinare la collettività con le loro cricche.

No-casta-day, allora sì, con l’obiettivo di una legge che affidi agli stessi elettori la revoca del mandato dei parlamentari. Sarebbe semplice, ma rimane un sogno.
Siamo un paese di raccomandati e affiliati. Emigriamo?

La discarica di Chiaiano, una civiltà persa.

Nel Meridione d’Italia, la malavita organizzata gestisce un servizio di pubblico dominio, tenendo per il cappio il  povero cittadino. Ad ogni famiglia criminale la sua gallina dalle uova d’oro: la mafia ha in mano un bene prezioso come l’acqua in Sicilia,  la ‘ndrangheta gestisce da decenni l’autostrada SA-RC, che sembra non terminare mai. La camorra? La “monnezza”, fonte inesauribile.

Emergenza rifiuti e ambientale vanno di pari passo. Il presupposto necessario per mettere la parola fine qui in Campania, è estirpare la camorra. Pensiero realisticamente impossibile, per la collusione delle istituzioni con i clan criminali. Queste impongono le loro scelte in materia di rifiuti, dettate dalla possibilità di ricavare enormi profitti. Ci spaventano, per alimentare il clientelismo: le elezioni non sono così lontane. In poche parole tutto questo avrà vita fin quando ci saranno i rifiuti.

All’assemblea pubblica contro la discarica di Chiaiano del 4 settembre ho visto cento, massimo centocinquanta persone. La popolazione presente attorno alla discarica è di circa 250.000 persone. La zona Ospedaliera della città di Napoli dista in linea d’aria solo qualche centinaio di metri. Quindi sono stati pochi i manifestanti, a dir la verità,  e  pure la presenza della discarica arreca un gran disagio: il fetore delle esalazioni, nauseabondo, insostenibile.  È una puzza tremenda da far diventare pazzi: l’impressione è che si dorma con un cassonetto piantato nella stanza. Ed io vivo così.
Ma non è tutto. A inquinare il territorio ci pensa anche il campo rom di Scampia, nel quale si intensificano gli incendi di rifiuti nella discarica abusiva, ora anche in pieno giorno. Cito soltanto la mattina del 4 settembre: un’ immensa nube nera ha oscurato il sole. Un odore acre e tossico di plastica bruciata che causa mal di gola e nausea. Per domare l’incendio, sono dovute intervenire quattro autobotti dei vigili del fuoco.

Il quadro è desolante, per il futuro che attende quest’area e per la reazione dei cittadini. I manifestanti di sabato sono tutte persone per bene, che ci tengono a conservare la propria dignità, che non si rassegnano. Purtroppo c’è chi avrà ormai chinato il capo, chi se ne frega o, peggio ancora, chi si è già abituato a questo squallido scenario: la maggioranza dei cittadini di quest’area, mi vien da pensare.

Protestare contro la discarica equivale a protestare contro tutti gli indagati nella gestione dei rifiuti campani, che fanno parte indistintamente della camorra, delle istituzioni, e della chiesa. Un cortometraggio profetico che vi segnalo, tra i tanti girati all’epoca dell’emergenza rifiuti,  è Megaris (link).

In una guerra tra poveri, protestare contro la discarica significa mettersi contro l’altra fetta della città, qualificata dal TGR Campania come la “Napoli bene”  o “Napoli chic”,  che non vuole riprecipitare nel caos rifiuti di qualche anno fa. Le istituzioni se ne sono ben guardate dal collocare la discarica in un’area di magistrati, avvocati, procuratori, insegnanti. I medici della vicina Zona Ospedaliera non dicono niente, e se devono parlare come l’emerito professor Umberto Veronesi – che disse che l’inceneritore non causa tumori – è meglio forse che stiano zitti. L’area circostante alla discarica non ha un importante referente politico, i cittadini sono stati abbandonati al loro destino. Questa zona è stata adibita a discarica sociale e “ad litteram”. È vero che per questa periferia non ci deve essere uno sviluppo dignitoso: che fine farà il parco delle colline, nei cui confini sorge il mostro dello sversatoio di rifiuti, la sagra delle ciliege, famosa tradizione della zona, le attività culturali, il valore degli immobili, e per ultimo, ma non ultimo, la salute delle persone?

Cosa succederà quando fra tre mesi la discarica chiuderà perché satura? Chiuderà? Io so solo che ci sono altre tredici cave presenti nella zona; che i controlli della radioattività dei rifiuti sono passati dall’Esercito Italiano a un’impresa privata; che i politici sono pronti ad aprire altre discariche e inceneritori per il territorio, o allargare quelle già presenti per una legge sull’emergenza rifiuti. Ci impongono la convivenza con i rifiuti e gli incendi illegali per poter poi giustificare le loro opere. Per l’ambiente quanto potrà durare ancora tutto ciò?

Potremmo attendere all’infinito che si avvii un circolo virtuoso dei rifiuti, in quanto è contro gli interessi di chi li gestisce. È il caso del comune di Camigliano,  la cui amministrazione è stata sciolta e commissariata perché non ha voluto aderire al piano provinciale dei rifiuti. Ma se questo comune ricicla già il 70% dei rifiuti, che altra necessità c’è?

Facciamo quindi un passo indietro: ciò che alimenta questo circolo vizioso sono i rifiuti stessi. La consegna e lo smaltimento sono gli interessi della cricca istituzionale-mafiosa che si è instaurata in Campania. Soluzioni per tempi brevi non ne vedo. Si potrà venire a capo del problema soltanto eliminando l’immondizia, con una conversione totale che non avvenga per conto terzi ma in proprio.


Uno dei materiali più dannosi e presenti per l’ambiente è la plastica. Il signore giapponese del filmato che segue ha inventato una macchina che trasforma la plastica in benzina. Chissà, magari in futuro ce ne sarà una in ogni casa, a meno che il petroliere di turno ne compri il brevetto per mettere l’idea in soffitta.

Certo sarebbe meglio che non esistesse la plastica. Il mio sogno è che ogni casa possa gestire autonomamente i rifiuti. Un punto di partenza potrebbe essere la produzione di concime dall’organico. Ciò avviene già in altri paesi, qui può sembrare in effetti utopia. Sarebbe un buon punto di partenza. Vi inviterei a proporre alternative nei commenti.

Personalmente mi auspico che la ricerca tecnologica sia sempre più ecosostenibile. Il nostro pianeta è malato, figuriamoci laddove sorge una discarica. E quindi si potrà avere una soluzione del problema, che sia pacifica.

Non c'è P2 senza P3…

“Salta la legge Falcone che consentiva una corsia più rapida per le investigazioni sulle associazioni criminali – scrive Liana Milella su La Repubblica online del 23 luglio 2010. – Per un gruppo come quello sotto inchiesta in questi giorni i magistrati avranno bisogno di “gravi indizi” di reato per far scattare gli ascolti”. La “cricca” di cui si parla nell’articolo è, ovviamente la famigerata new entry del panorama politico italiano: la P3... Nel frattempo l’irrefrenabile entourage di Mr. Silvio si impegna scrupolosamente per complicare la vita dei pm e agevolarla ai loro compari. Altro che fratelli Cohen… Questo è un paese per vecchi, possibilmente affiliati ad associazioni a delinquere che si macchiano di reati come corruzione, concussione, peculato, truffa, bancarotta e usura. “Per mettere sotto controllo i telefoni degli adepti al gruppo non basteranno i “sufficienti indizi di reato” – prosegue l’articolo di La Repubblica – come per la mafia e il terrorismo, ma ci vorranno i “gravi indizi” e tutti i numerosi paletti imposti dalla riforma”, quella stessa che cancella l’articolo 13 della Legge Falcone del 1991.

Persino Napolitano è rimasto allarmato e indignato per “l’emergere dei fatti di corruzione e trame inquinanti da parte di squallide consorterie”…
Al centro della rete di complotti e relazioni troviamo, guarda caso, il povero bistrattato Marcello Dell’Utri, che continua a negare l’evidenza persino dopo una condanna a sette anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa… Ma anche l’ex sottosegretario all’economia Nicola Cosentino, che il 14 luglio è stato persino costretto a dimettersi, cosa che di questi tempi, in Italia, non è da considerarsi troppo scontata. Ciononostante la super votata maggioranza parlamentare non ha autorizzato l’arresto del loro caro amico, che infondo è solo accusato di complicità con la Camorra… Che sarà mai??

Nel frattempo il piccolo Cappellacci e la sua “cricca” sono riusciti a trascinare nella melma persino un investimento importante e intelligente come quello sull’energia eolica.
Gli imprenditori Flavio Carboni e Arcangelo Martino, l’ex dirigente democristiano Pasquale Lombardi e il coordinatore nazionale del PDL Denis Verdini. “Non c’era livello della magistratura a cui la “banda” non potesse arrivare – scrive Emilio Randacio su La Repubblica online del 23 luglio. – Promuovere magistrati, fermare processi, condizionare i giudici, tutto pur di raggiungere i propri scopi. E, quando Carboni e i suoi complici decidono di far salire Nicola Cosentino sullo scranno più alto della Regione Campania, gli appoggi vengono attivati”.

Sembra che assieme al tappo della BP nel Golfo del Messico sia partito pure quello che da tempo tratteneva, tra una perdita e l’altra, la fuoriuscita di questa oscura fiumana di scandali…
Nel frattempo l’uomo più perseguitato della storia continua a puntare il dito contro la magistratura rossa e l’opposizione comunista, affermando di voler “restare fuori dalle artificiose burrasche scatenate dalla vecchia politica politicante e da quanti, in maniera irresponsabile, giocano una partita personale a svantaggio dell’interesse di tutti. Il clima giacobino e giustizialista nel quale alcuni stanno cercando di far ripiombare il nostro paese non è certo d’aiuto”.

Da Milano1 a Milano2 e poi dalla P2 alla P3… Perché le uniche cose in cui l’Italia riesce ad andare avanti sembrano essere le cifre delle vergogne che continuano a coinvolgerla…

[stextbox id=”info” caption=”Vuoi collaborare con Camminando Scalzi.it ?” bcolor=”4682b4″ bgcolor=”9fdaf8″ cbgcolor=”2f587a”]Collaborare con la blogzine è facile. Inviateci i vostri articoli seguendo le istruzioni che trovate qui. Siamo interessati alle vostre idee, alle vostre opinioni, alla vostra visione del mondo. Sentitevi liberi di scrivere di qualsiasi tematica vogliate: attualità, cronaca, sport, articoli ironici, spettacolo, musica… Vi aspettiamo numerosi.[/stextbox]

La “presunzione” d’innocenza del Senatore Marcello Dell’Utri

[stextbox id=”custom” big=”true”] L’articolo di oggi è scritto da Richpoly, laureato in giurisprudenza in attesa di sostenere il concorso in magistratura. Lo spunto per questo articolo è nato da una precisa domanda: “Perchè il senatore Dell’Utri nonostante una condanna a sette anni non è attualmente in carcere ?” . Scopriamolo nel post di oggi.[/stextbox]

L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Questo è il così detto principio della “presunzione d’innocenza” sancito all’art. 27 della Costituzione Italiana.

Tale disposizione, oggi più attuale che mai alla luce delle diverse vicende che hanno visto il senatore Dell’Utri al centro di acceso dibattito dal profilo giuridico ed istituzionale, afferma che l’ imputato è innocente fino a prova contraria e va letta in combinato disposto con un altro principio alla base del nostro ordinamento, quello per cui l’imputato, per essere condannato, deve essere ritenuto colpevole “oltre ogni ragionevole dubbio”. L’onere della prova, cioè la dimostrazione della colpevolezza dell’imputato, spetta alla pubblica accusa, rappresentata nel processo penale dal pubblico ministero. Non è quindi l’imputato a dover dimostrare la sua innocenza ma, al contrario, è compito degli accusatori dimostrarne la colpa. L’inciso costituzionale spiega  che  l’imputato è innocente fino ad una sentenza di condanna che sia passata in giudicato. La sentenza passa in giudicato quando sono esperiti tutti e tre i gradi di giudizio: il primo dinanzi al Tribunale (nei casi di crimini più efferati la Corte d’Assise), il secondo dinanzi la Corte di Appello (Corte d’Assise d’Appello nei casi di competenza della Corte d’Assise), e l’ultimo in Cassazione.

Logica conseguenza della presunzione d’innocenza è l’affermazione per cui, prima della definizione del processo in sede di Cassazione, non è possibile sottoporre l’imputato alla pena detentiva della reclusione. Questo ci permette di capire il motivo per cui Dell’Utri, nonostante abbia ricevuto due condanne, in altrettanti gradi di giudizio (Tribunale e Corte di Appello), non stia scontando in carcere la pena inflittagli. D’altronde, sarebbe contraddittorio affermare come presunzione assoluta (juris et de jure) l’innocenza di un soggetto e, contemporaneamente, sottoporlo ad una pena detentiva che lo privi della libertà personale.

Questo è il motivo per cui una sentenza di condanna emessa in primo o secondo grado non è idonea a sottoporre il condannato alla pena in concreto stabilita dal giudice competente. Come detto, soltanto al momento della definitività della sentenza di condanna la pena verrà effettivamente scontata dal condannato.

Sarà, dunque, ben possibile, come accaduto nel caso del Senatore dell’Utri, che un giudice di primo grado condanni a 9 anni di reclusione, che, poi, il giudice di appello riduca (ed in determinati casi aumenti) a 7, e che alla fine la Cassazione modifichi ulteriormente la pena in concreto da irrogare all’imputato.

In particolare, la Corte di Appello di Palermo ha ritenuto colpevole per concorso esterno in associazione mafiosa, e cioè ha ritenuto provato che Dell’Utri intrattenne stretti rapporti con la vecchia mafia di Stefano Bontade e poi, dopo il 1980, con gli uomini di Totò Riina e Bernardo Provenzano, almeno fino alla stagione delle stragi di Falcone e Borsellino nel 1992. Il senatore di Forza Italia è stato anche condannato all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

I giudici sono rimasti in camera di consiglio per sei giorni. Il procuratore generale Nino Gatto aveva chiesto la condanna a 11 anni. La Corte ha invece assolto Dell’Utri limitatamente alle condotte contestate come commesse in epoca successiva al 1992 perché «il fatto non sussiste», riducendo così la pena da nove a sette anni di reclusione.

Il nome di Marcello Dell’Utri fu fatto per la prima volta nel 1994 dal pentito Salvatore Cancemi, il quale lo indicò come un vero e proprio anello di congiunzione tra il dorato mondo dell’alta finanza lombarda, e i più loschi ambienti malavitosi di Palermo, città in cui è nato l’11 settembre 1941. Secondo il pentito, seguito successivamente a ruota da altri collaboratori di giustizia, Marcello Dell’Utri sarebbe stato una longa manus di Cosa Nostra, interessata ad entrare nei grandi affari edilizi lombardi come la costruzione di Milano 2 e, successivamente, il tramite per consentire alla criminalità organizzata di dettare le linee di un progetto politico in embrione già dall’autunno del ’93: Forza Italia.

Il processo di primo grado, iniziato nel 1997, si concluse l’11 dicembre del 2004, dopo 257 udienze, e con una condanna a 9 anni di reclusione. In quella sentenza il senatore del Pdl veniva indicato come “cerniera fra potere mafioso, politico ed economico“: il punto di partenza, insomma, da cui è iniziato il processo d’appello cominciato quattro anni fa, e in cui la pubblica accusa ha chiesto una condanna ad 11 anni di reclusione. Un processo lungo quello a Dell’Utri, infatti, quando ormai il dibattimento era ad un passo, i giudici, presieduti da Claudio Dall’Acqua, hanno acconsentito all’audizione in aula del pentito Gaspare Spatuzza, tra i principali accusatori di Dell’Utri, e dei fratelli Graviano, ex capimafia di Brancaccio, che secondo l’accusa avrebbero avuto legami con il senatore.

Tornando al nostro ordinamento, questo può senza dubbio considerarsi attento alle vicissitudini di una società dalla moralità precaria, mutevole e violenta, pone a tale principio un’unica, ma rilevantissima, eccezione. E’ prevista, infatti, la possibilità di irrogare la misura cautelare della custodia cautelare in carcere, ovviamente qualora ricorrano determinati e rigorosi requisiti espressamente previsti dal codice penale. Tale misura cautelare può essere disposta ai danni dell’indagato (così è chiamato il soggetto nei confronti del quale sono svolte le indagini, soggetto che assume l’appellativo di “imputato” soltanto al momento in cui il pubblico ministero formula l’imputazione nei suoi confronti, al termine delle indagini) già durante la fase delle indagini preliminari, fase che costituisce il momento iniziale del procedimento penale, secondo soltanto alla notizia di reato che consiste nella acquisizione del fatto – reato da parte della polizia giudiziaria o dal pubblico ministero. La misura cautelare, quindi, può perdurare per tutta la durata del processo, purché non ne vengano travalicati i limiti temporali stabiliti espressamente dalle singole norme del codice penale, termini che, comunque e in nessun caso (neanche nei casi di crimini più crudeli) può superare i 6 anni.

Da ciò si evince come, in un sistema processuale come quello italiano in cui i processi durano in media più di 6 anni (per usare un eufemismo considerato il fatto che spesso superano ampiamente tale termine), sia praticamente impossibile immaginare che un soggetto possa subire la pena detentiva dall’inizio del processo sino alla sua definizione in sede di Cassazione.

Sostanziali sono le differenze tra la misura cautelare e la pena detentiva. Per citare la distinzione più evidente basta sottolineare come la misura cautelare viene applicata in una fase in cui non è stata aperta la fase istruttoria (quando cioè vengono introdotte le prove nel processo), al contrario della pena detentiva che viene inflitta proprio in seguito alla fase in questione. Essendo l’adempimento dell’attività probatoria non un onere dell’imputato bensì un suo diritto, non possono esser nei suoi confronti rivolti effetti eccessivamente afflittivi trovandoci in una fase antecedente a quella entro la quale dovrà essere dall’accusa dimostrata la sua penale responsabilità. La pena detentiva, al contrario, viene applicata ad un soggetto nei cui confronti è già stata accertata la responsabilità in ordine ai fatti contestatigli. Viene da sé, quindi, che un imputato, anche se in custodia cautelare, non può essere trattato alla stregua di un normale condannato e che i limiti temporali previsti per l’applicazione delle misure in questione sono ampiamente giustificati in un’ottica costituzionale e garantista.

Il lettore attento ora si chiederà perché il senatore Dell’Utri non abbia scontato o non stia scontando la misura cautelare della custodia in carcere. La risposta è più semplice del previsto. Infatti, ammesso e non concesso che il Pubblico Ministero abbia chiesto a suo tempo la custodia in carcere di Dell’Utri, i Giudici non hanno ritenuto che vi fosse la prova che lo stesso non potesse né fuggire né reiterare il reato (presupposti espressamente richiesti dalla legge per applicare la misura cautelare, oltre ai c.d. gravi indizi di colpevolezza). Si tenga anche presente che Dell’Utri è senatore dal 2001 e quindi per essere arrestato e sottoposto a misura cautelare, per qualsiasi motivo, ad esclusione di una sentenza di condanna definitiva, ci vorrebbe comunque l’autorizzazione del Senato ai sensi dell’art. 69 della Costituzione.

Se ci sarà la condanna anche in Cassazione, invece, Dell’Utri dovrà scontare in carcere la pena inflittagli. L’unica immaginabile alternativa è che la Cassazione annulli la condanna senza rinvio a nuovo Giudice, oppure che il Governo elimini il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, cosa piuttosto assurda, ma non del tutto inimmaginabile.

Concludo questi pochi cenni di un mondo, tanto interminabile quanto affascinante, quale è  l’ordinamento processuale penale con una riflessione politico sociale che prende spunto dalla necessità di ricordare come la Costituzione sia il fondamento della Repubblica. La commissione di reati da parte di uomini che ricoprono cariche rappresentative ed istituzionali è sintomatica dell’estraneità dello Stato rispetto al popolo, dell’esistenza di una classe barricata a difesa dei propri privilegi, dei propri statuti, del proliferare di corporazioni schiave della criminalità organizzata e governate da leggi proprie, sconosciute al “popolo sovrano”. Qualora la Carta Costituzionale cada dal cuore degli italiani o qualora non venga rispettata dalle più alte cariche politiche, allora verranno meno le fondamenta sulle quali sono ancorate le nostre libertà e costruiti i nostri sogni.

[stextbox id=”info” caption=”Vuoi collaborare con Camminando Scalzi.it ?” bcolor=”4682b4″ bgcolor=”9fdaf8″ cbgcolor=”2f587a”]Collaborare con la blogzine è facile. Inviateci i vostri articoli seguendo le istruzioni che trovate qui. Siamo interessati alle vostre idee, alle vostre opinioni, alla vostra visione del mondo. Sentitevi liberi di scrivere di qualsiasi tematica vogliate: attualità, cronaca, sport, articoli ironici, spettacolo, musica… Vi aspettiamo numerosi.[/stextbox]