Day 5 Mondiali di calcio: che fatica il Brasile!

Arriva l’esordio di un’altra delle favorite: il Brasile di Dunga. Contro la Corea del Nord, che mancava dal mondiale dal 1966 (quando il gol di Pak Doo Ik, insegnante di educazione fisica e non dentista come si diceva, fece piangere gli azzurri) i carioca non esprimono certo un buon calcio, anzi. Gli asiatici appaiono subito ben messi in campo ma di un livello non certamente alto (candidata numero uno all’eliminazione in un girone difficile) eppure tengono in scacco i verdeoro per circa un’ora. Poi un gran gol di Maicon (tiro o cross??) fa passare la paura. Raddoppia Elano, misteriosamente scartato un anno fa dal City di Mancini ma nel finale accorcia meritatamente  Ji Yun Nam con un gran gol. Il Brasile ora è in testa al girone, visto che Costa d’Avorio e Portogallo non si fanno male e ne esce uno scialbo pareggio ad occhiali, con poche emozioni tra cui un palo del sempre più svogliato Cristiano Ronaldo. Africani positivi seppur privi per quasi tutta la partita del superbomber Didier Drogba. L’impressione è che però la storia di questo girone sia davvero tutta da scrivere. La giornata però si era aperta con l’altra sfida del girone dell’Italia, ovvero Slovacchia-Nuova Zelanda. Finisce uno a uno, e le buone notizie per gli azzurri sono tante. Innanzitutto tutti sono appaiati in classifica, con la differenza che però gli azzurri l’impegno più tosto lo hanno già affrontato. Se si aggiunge poi che entrambe le squadre non sono sembrate mai in grado di rappresentare una minaccia per la truppa di Lippi…può andar bene così. Ringraziamo quindi il difensore Reid che pareggia il gol di Vittek e regala il primo punto del mondiale ai kiwi.

I volti della festa nerazzurra

L’Inter è Campione d’Italia! Diciottesimo scudetto, se non gli toglieranno quello di cartone del 2006 che Guido Rossi dice di non aver assegnato (dite la verità…lo avete assegnato voi eh?).

Roma nuovamente seconda (i giallorossi le medaglie d’argento ormai le buttano) dopo una rimonta straordinaria. Al match di andata dopo l’uno a uno del Meazza i capitolini avevano tredici punti di distacco! Poi il sorpasso…e poi il suicidio contro la Sampdoria di un super Pazzini che vola in Champions League. Ora dicevamo…scudetto all’Inter. L’eterno nemico De Rossi dice che è meritato nonostante qualche favore arbitrale di troppo (e grosso modo è così, in quanto i meneghini sono i più forti). Ma chi sono i protagonisti di questa cavalcata? Vediamo un po’. Troppo facile cominciare con Josè Mourinho, sul quale si sono spese una marea di parole e fiumi di inchiostro (anche noi ne abbiamo già parlato in un articolo pubblicato qualche tempo fa), ma che merita soltanto applausi per un lavoro straordinario ed un sacco di pepe che ha portato al nostro calcio. Pochissimo turnover, squadra che vince non si cambia! Infatti non ha cambiato fino alla fine.

Proseguirei col capitano, Javier Zanetti, uno che merita i successi dell’Inter più degli altri, perchè c’era anche quando i nerazzurri erano la barzelletta d’Italia e prendevano solo sfottò coloriti. Non ha mai mollato, quindi per me questi scudetti sono più suoi che degli altri. Procediamo per ruolo. Julio Cesar: portiere cresciuto in maniera esponenziale, imparando a diventare un grande “arquero” qui in Italia (oramai alla nazionale brasiliana i portieri lo forniamo noi, da Taffarel a Dida eccetera), con qualche sbavatura di troppo però (vedi Roma e Fiorentina). Toldo e soprattutto Orlandoni (che è anche lui campione eh! Poteri del calcio!!) solo due comparse. In difesa Maicon, che è il miglior esterno del mondo al momento, è una certezza immensa, al centro Lucio e Samuel formano una coppia affidabilissima (a mio giudizio meglio l’argentino, vero leader del reparto, che sbaglia molto meno del collega carioca) che è tra le prime tre al mondo, e poi il già citato “Pupi”. Cordoba assicura minuti di qualità e quantità, Materazzi rappresenta pur sempre un’icona e nei trionfi c’è sempre (sia a Roma in Coppa Italia che a Siena) !! Santon…peccato, speriamo che non si bruci. Chivu…redivivo dopo la botta alla testa. A centrocampo comanda el Cuchu Cambiasso (grazie Diego per averlo escluso dai mondiali!!), beniamino dei tifosi e soprattutto di chi mette i voti di Gazzetta e Corriere, per l’immensa gioia di chi lo ha in squadra al fantacalcio, ma meritevole di un inchino per l’impegno profuso e per non avere più quella sorta di baffi in testa. Di fianco a lui Thiago Motta, che inizia alla grande, poi si perde e poi si ritrova. Un altalena vivente rivelatosi però decisivo (ricordiamo un gran gol nel derby) e che si perderà la finale di Champions per la sceneggiata di Busquets, peccato. Stankovic è sempre lui, quando piazza la giocata incanta la platea, quindi buonissima anche la sua stagione corredata da qualche infortunio di troppo. Poi Sneijder: che dire, poesia in movimento, il giocatore fortemente voluto da Mourinho, un trequatista eccellente, capace di far fare un salto di qualità a qualsiasi squadra e che soprattutto dimostra per l’ennesima volta l’immenso acume della dirigenza del Real Madrid (oramai temo che il mercato delle “merengues” lo faccia Paperoga). C’è poi Muntari, che a volte sembra la “talpa”, ovvero colui che cerca di far vincere gli avversari (a Catania ha regalato fragorose risate) ma ogni tanto indovina la partita. Quaresma quando non è impegnato a provare la trivela e vede il campo…vabbè, dai, c’era pure lui. Mariga segna anche un gol, quindi un plauso lo merita anche lui, dopo essere arrivato a gennaio lasciando un Parma a metà classifica. Veniamo all’attacco. Eto’o non ha fatto rimpiangere nessuno (eh bè cavolo, è pur sempre un campionissimo) con tanti gol e una incredibilie disponibilità a giocare dove lo voleva piazzare il mister. Pandev è un altro rinforzo di gennaio che parte a mille e poi va in calando ma è stato utilissimo quando Mourinho schierava la squadra in stile “Giappone di Holly” con più attaccanti che difensori. Arnautovic…bah, chissà, magari lo scopriremo in futuro. Balotelli… eh amo parlare di lui, il ragazzo dai mille aggettivi (positivi e negativi) ma che dall’alto della sua classe cristallina regala soprattutto stupendi gol e che se resterà all’Inter e lima il suo carattere potrà giocare in nazionale da subito. Milito, e che te lo dico a fare. Capocannoniere della squadra e secondo in generale dopo il Re Totò Di Natale si dimostra l’acquisto più azzeccato. Non Eto’o, è lui che cancella il ricordo di Ibra. Reti meravigliose che strappano applausi dai tifosi di tutte le squadre, e per un interista farsi amare dalle altre tifoserie è veramente dura, quindi non si può dire nulla se non “Felicidades Principe”! Chissà che non sia protagonista anche al Mondiale.

Ma è anche lo scudetto di chi non c’è più. Mancini ad esempio, che fallisce la qualificazione alla Champions ma mette in riga diverse teste calde a Manchester. Oppure il già citato Ibra, che conferma che se lo hai in squadra la Champions non la vincerai mai e che va a vincere il campionato in Spagna. Oppure chi se n’è andato, come Suazo al Genoa (pochissime luci e molte ombre per lui), Vieira alla corte di Mancio (uhm…maluccio) e soprattutto Mancini, che si pensava potesse tornare a grandi livelli al Milan, ma purtroppo non è stato così. Infine un pensiero a Massimo Moratti, che ha buttato miliardi e trasudava bile, quindi merita la rivincita, ma anche a chi non c’è più come Giacinto Facchetti e Peppino Prisco. Avrebbero gioito anche loro.

Comandano i blucerchiati – Sesta Giornata

Siamo alla sesta giornata e la Sampdoria sta volando in campionato. Seconda in classifica e davanti a Juventus ed Inter, ad un solo  punto dalla capolista Milan. No, non preoccupatevi, non sono impazzito e non sto neanche parlando del sogno di qualche milanista attualmente. Semplicemente la classifica in questione è quella della stagione 1990-1991. Della Samp di Boskov. Quella che vinse il suo primo ed unico scudetto tanto per intenderci. Squadra fortissima, con un duo d’attacco da far paura: Vialli-Mancini.

Vujadin Boškov, allenatore Samp 86-92
Vujadin Boškov, allenatore Samp 86-92

Un portierone come Pagliuca, uno stopper come Vierchowod, due mediani come Pari e Cerezo ed esterni irrefrenabili come Lombardo e Dossena. Sono passati quasi vent’anni. I genovesi sono di nuovo in testa in solitaria e dopo un numero di partite decente per affermare che la squadra c’è.  Magari non vinceranno lo scudetto, ok (ma poi tutto sommato…dispiacerebbe a molti???) ma se si lascia andare la fantasia si possono fare paragoni forse azzardati o forse non eccessivamente, chissà. Innanzitutto la partenza di questa Doria è migliore di quella del 1990, visto che la squadra attuale ha 15 punti contro i 12 dell’altra (contando tre punti a vittoria, visto che a quei tempi se ne assegnavano due), e seppur imbattuta la truppa di Vujadin non aveva fatto exploit incredibili come due successi esterni e una vittoria fra le mura del “Ferraris” sull’Inter. La coppia d’oro attuale…giudicate voi. Pazzini-Cassano, il finalizzatore ed il genio. Cassano meglio di Mancini? Proprio quel Mancini che lo voleva a tutti i costi all’Inter? Entrambi spesso snobbati dai commisari tecnici della nazionale . Beh….forse FantAntonio un po’ di più, Lippi gli preferisce a tuttora il funambolico e meraviglioso Pepe (nuovamente….non sono impazzito, ma ironico. E ci mancherebbe…Pepe…). Vialli realizzò diciannove gol a fine anno (si giocavano trentaquattro partite però), a quanto potrà arrivare il “Pazzo

“?

Gigi Del Neri, allenatore Sampdoria.
Gigi Del Neri, allenatore Sampdoria.

Il modulo è lo stesso, Boskov e Del Neri si somigliano su alcune cose…magari uno parla l’italiano molto meglio dell’altro…ma a Del Neri non si può chiedere tutto. Il Castellazzi visto finora non farebbe rimpiangere il Pagliuca degli anni d’oro. Un italiano ed uno straniero….Zauri e Stankevicius per un’altro italiano ed un’altro straniero…Mannini e Katanec….stiamo bestemmiando? Palombo e Tissone saranno degni almeno di allacciare le scarpe a Pari (o Faustopari, tutto attacato, come lo chiamava Boskov) e Toninho Cerezo? Ma soprattutto gli esterni….Semioli, Padalino, Ziegler, Franceschini (e non scordiamoci il baby Poli, un talento meraviglioso del quale sentiremo parlare) e soprattutto Mannini (generosamente regalato dal Napoli, che evidentemente non ne aveva bisogno….) sono un pacchetto sufficiente per surrogare “Attila” Lombardo e Dossena (per chi non lo sapesse…era un ottimo giocatore, non fatevi ingannare dalle banalità che spara da quando fa l’opinionista)?

All’ombra della lanterna mezza città sogna, l’altra un po’ si rode. Cosa succederà alla fine poco importa, una banda di ragazzi in blucerchiato sta nuovamente facendo sognare la costiera ligure.